Quando non c’è empatia con il vino

Laudario ’09 Syrah Cortona Doc – I Vicini
Prezzo in enoteca € 17,00

Devo confessare che di fronte a certi produttori parto spesso prevenuto.

Normalmente le aziende che nascono da un progetto imprenditoriale senza un coinvolgimento diretto e una competenza specifica della proprietà, ma che si affidano esclusivamente a consulenti esterni, spesso famosi, mi destano sempre sospetti.

Ci sono ormai troppe aziende frutto del compiacimento personale di imprenditori che forse in buona fede pensano di poter trasferire in viticoltura le stesse strategie imprenditoriali che hanno funzionato in altri campi.

Per fare il vino vero, mi disse una volta Ettore Falvo (grande persona), ci vuole passione e competenza.

Avolte mi sembra di assistere ad aziende fotocopia che, non avendo un progetto forte, si affidano ai soliti e collaudati vitigni internazionali (syrah, cabernet sauvignon e merlot) e al vitigno autoctono che fà tanto Toscana (sangiovese).

Prendono un’enologo navigato e ovviamente creano vini piacioni che si perdono spesso nell’anonimato.

Questa è anche la storia de “i Vicini” azienda di Cortona che tra gli altri produce anche questo Syrah.

Recentemente in un ristorante dove la carta dei vini spiccava per proposte fotocopia ho voluto provare questo vino di cui avevo sentito parlare.

Il profumo del vino fin dall’inizio ha mostrato una netta sensazione di legno.

Poi la sensazione alcoolica, calda, una nota dolce, molto dolce, quasi caramellata. Bevendolo il vino non tradisce le premesse.

Morbido, con poca acidità, un finale dove l’alcool restituisce la nota amara, ma soprattutto, avendo avuto esperienza di alcuni buoni esempi di Syrah cortonesi in questo caso non sono riuscito a cogliere le caratteristiche del vitigno.

Prima di scrivere quello che pensavo, mi sono portato a casa la bottiglia, per dargli una prova d’appello il giorno dopo.

Purtroppo, come spesso accede, con i vini costruiti in cantina, il vino non si è mosso di un millimetro.

Risultato, in due persone, in due giorni non siamo riusciti a bere metà bottiglia.

Un pensiero su “Quando non c’è empatia con il vino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>